log in

Archivio

Il concerto di Capodanno con i classici natalizi

Franca Ferrami «Tanta attenzione e tanta presenza sono un buon inizio per l' anno nuovo. Vuol dire che c' è voglia di stare insieme, voglia di sacro e di comunione». È con queste parole che monsignor Francescantonio Nolè, arcivescovo metropolita della diocesi Cosenza-Bisignano, ha commentato la massiccia partecipazione al tradizionale "Concerto di Capodanno nel Centro Storico" tenutosi per il quarto anno consecutivo nella chiesa di S.

Domenico a Cosenza.
Un appuntamento giunto alla 21esima edizione organizzato come sempre dall' associazione culturale Salotto 12 presieduta da Sergio Nucci, promotore convinto di un evento che è ormai irrinunciabile per molti cosentini, ideato con l' intento di rilanciare il centro storico e valorizzare il patrimonio artistico locale.

Monsignor Nolè ha salutato i presenti soffermandosi sul significato del Natale e della famiglia, mentre il rettore della chiesa, padre Fabio Bastoni, dei Missionari Oblati di Maria Immacolata, ha colto l' occasione per segnalare il progetto per realizzare una nuova illuminazione, per il quale è in corso una raccolta fondi.

Protagonisti del concerto il coro Nova Harmonia di Cropalati e la Corale di Sant' Umile da Bisignano, affiancati dai giovani allievi della classe di canto dell' Accademia musicale "G. Rossini" di Rende preparati da Nicoletta Guarasci.

Alla direzione il maestro Luigi Vincenzo, che ha presentato la scaletta dei brani musicali, la maggior parte dei quali veri classici del periodo natalizio quali Astro del Ciel, Bianco Natale, Carole di Natale, Adeste Fideles e Jingle Bells. I canti sono stati accompagnati dall' organista Maria Nicole Cariati e inframezzati dalla voce recitante di Lucia Mantuano. Conduzione affidata ancora una volta a Francesca Pecora.

«È il concerto dei cosentini - afferma soddisfatto Sergio Nucci - e noi non ci tireremo indietro fino a che ci saranno questo affetto e questo entusiasmo da parte della cittadinanza - aggiunge, sottolineando la necessità di aumentare le occasioni di incontro e di frequentazione del centro storico.

«E ognuno deve fare la sua parte».

L' evento organizzato da "Salotto 12" è giuntoalla ventunesima edizione.

Primo gennaio Concerto per Cori

Il primo di gennaio sarà salutato anche quest’anno, come tradizione,  dal “Concerto di Capodanno nel Centro Storico”, giunto ormai alla sua 21^ edizione.

Tre i cori chiamati ad esibirsi per il primo dell’anno, il Coro Nova Harmonia, il Coro polifonico "Sant’Umile" di Bisignano e la Classe di canto dell’Accademia Musicale G. Rossini di Rende, tutti diretti dal Maestro Luigi Vincenzo.

E la magica atmosfera del meraviglioso complesso rinascimentale di San Domenico farà il resto.

Come per gli altri anni si prevede il pienone di appassionati e non. A questo proposito, attesa la gratuità dell’evento, che non è finanziato in alcun modo da fondi pubblici, si consiglia di accedere alla chiesa con sufficiente anticipo rispetto all’orario di inizio previsto per le ore 19,15.

Abbiamo chiesto a Sergio Nucci presidente di salotto12 e ideatore del concerto un commento su questa ventunesima edizione:

Siamo felici per un successo lungo 21 anni frutto di impegno e costanza.

Abbiamo dato spazio, come era giusto che fosse, alle nostre eccellenze che anche grazie a noi hanno avuto la possibilità di arrivare ad una platea ancora più ampia. Siamo altresì orgogliosi di aver rivolto la nostra attenzione a questa parte della città che la politica e le istituzioni hanno da tanto tempo dimenticato. Riappropriarsi di questi luoghi significa ricordare da dove veniamo e soprattutto avere ben chiaro verso dove vogliamo andare.

Sono tanti i cosentini che ritengono che la parte antica meriti molto di più di quello che ha avuto. Abbattere palazzi e al contempo non restituire vita e decoro ai vicoli della parte antica equivale a nascondere la polvere sotto al tappeto.

Auspichiamo per il futuro una reale attenzione alle nostre origini dando fiducia a chi davvero ha a cuore questa città, confidando che ci sia sempre più gente disposta ad aiutare iniziative come la nostra”.

Appuntamento Mercoledì 1 Gennaio 2020 ore 19,15 - Cosenza - Chiesa di San Domenico