log in

Archivio

Il concerto di Capodanno con i classici natalizi

Rate this item
(0 votes)
Share/Save/Bookmark

Franca Ferrami «Tanta attenzione e tanta presenza sono un buon inizio per l' anno nuovo. Vuol dire che c' è voglia di stare insieme, voglia di sacro e di comunione». È con queste parole che monsignor Francescantonio Nolè, arcivescovo metropolita della diocesi Cosenza-Bisignano, ha commentato la massiccia partecipazione al tradizionale "Concerto di Capodanno nel Centro Storico" tenutosi per il quarto anno consecutivo nella chiesa di S.

Domenico a Cosenza.
Un appuntamento giunto alla 21esima edizione organizzato come sempre dall' associazione culturale Salotto 12 presieduta da Sergio Nucci, promotore convinto di un evento che è ormai irrinunciabile per molti cosentini, ideato con l' intento di rilanciare il centro storico e valorizzare il patrimonio artistico locale.

Monsignor Nolè ha salutato i presenti soffermandosi sul significato del Natale e della famiglia, mentre il rettore della chiesa, padre Fabio Bastoni, dei Missionari Oblati di Maria Immacolata, ha colto l' occasione per segnalare il progetto per realizzare una nuova illuminazione, per il quale è in corso una raccolta fondi.

Protagonisti del concerto il coro Nova Harmonia di Cropalati e la Corale di Sant' Umile da Bisignano, affiancati dai giovani allievi della classe di canto dell' Accademia musicale "G. Rossini" di Rende preparati da Nicoletta Guarasci.

Alla direzione il maestro Luigi Vincenzo, che ha presentato la scaletta dei brani musicali, la maggior parte dei quali veri classici del periodo natalizio quali Astro del Ciel, Bianco Natale, Carole di Natale, Adeste Fideles e Jingle Bells. I canti sono stati accompagnati dall' organista Maria Nicole Cariati e inframezzati dalla voce recitante di Lucia Mantuano. Conduzione affidata ancora una volta a Francesca Pecora.

«È il concerto dei cosentini - afferma soddisfatto Sergio Nucci - e noi non ci tireremo indietro fino a che ci saranno questo affetto e questo entusiasmo da parte della cittadinanza - aggiunge, sottolineando la necessità di aumentare le occasioni di incontro e di frequentazione del centro storico.

«E ognuno deve fare la sua parte».

L' evento organizzato da "Salotto 12" è giuntoalla ventunesima edizione.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.